Fly – Avril Lavigne

LA CANZONE DELLE PARAOLIMPIADI

Avril Lavigne, dopo aver rivelato i dettagli della terribile malattia, di Lyme, che l’ha costretta a letto per mesi, mesi in cui ha addirittura pensato di morire, torna alla grande, con nuova grinta, con un nuovo singolo, attesissimo da tutti i suoi fan e non solo.

Fly, il nuovo e tanto atteso singolo, scritto con Chad Kroeger e David Hodges, cantato dalla pop star in onore degli Special Olympics 2015, che vedranno impegnati a sfidarsi tra loro tanti ragazzi ed adulti, provenienti da ogni parte del mondo, con diverse disabilità. Il progetto artistico fa parte della più ampia opera benefica dell’Avril Lavigne Foundation, che si occupa proprio di aiutare bambini e ragazzi con seri problemi di salute e disabilità.

Il brano farà da colonna sonora per la competizione internazionale delle Special Olympics 2015 ed è un vero inno alla propria forza interiore.

La pop star canadese torna a risplendere di luce, quella nata dalla speranza e dalla serenità, che continua a brillare nonostante tutte le avversità, forse un bisogno nato proprio dal lungo periodo di malattia che l’ha colpita: “Un piccolo aiuto è tutto quello che ci vuole – dice nel brano – qualcuno che ti dica che vale la pena lottare, un singolo passo diventa uno slancio di fiducia, è lì che realizzi di aver iniziato a volare”.

Il video ufficiale, pubblicato il 16 aprile, non ha deluso le aspettative dei fan in giro per il mondo, così come il singolo. Un video toccante, che ci racconta le Special Olympics 2015, le emozioni e la gioia di chi le vive. Un grande ritorno, quello di Avril, reso ancora più gradito dopo le notizie sulla silenziosa lotta contro la malattia che ha voluto affrontare lontano dagli occhi indiscreti dei media.

Ora non ci resta che aspettare dicembre per poter sentire il nuovo album, che dalle prime indiscrezioni sarebbe formato da cover natalizie.

 

 

2 pensieri su “Fly – Avril Lavigne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*